Messa delle Famiglie

L’appuntamento è per Sabato 27 Maggio 2017 ore 18.50 presso il Duomo di Palmanova.

 

 

 

– Aggiornamento 27 Maggio 2017 –

Beata la famiglia

Beata la famiglia in cui Dio è il Signore,

e che cammina alla sua presenza.

Beata la famiglia fondata sull’amore 

e che dall’amore fa scaturire

atteggiamenti, parole, gesti e decisioni.

Beata la famiglia aperta alla vita

che accoglie i figli come un dono,

valorizza la presenza degli anziani,

è sensibile ai poveri e ai sofferenti.

 

Beata la famiglia che prega insieme

per lodare il Signore, 

per affidargli preoccupazioni e speranze.

Beata la famiglia che vive, 

i propri legami nella libertà,

lasciando a tutti autonomia di crescita.

Beata la famiglia che trova il tempo 

per dialogare, svagarsi e fare festa insieme.

 

Beata la famiglia che non è schiava della

televisione e sa scegliere programmi costruttivi.

Beata la famiglia in cui i contrasti non sono un 

dramma, ma palestra per crescere nel rispetto, 

nella benevolenza e nel perdono vicendevole.

Beata la famiglia dove regna la pace al suo interno e con tutti:

in lei mette radici la pace del mondo .

 

Beata la famiglia che vive in sintonia con l’universo

e s’impegna per la costruzione di un mondo più umano.

Beata la famiglia che, pur non ritrovandosi in 

queste beatitudini decide che è possibile 

percorrerne qualcuna. 

Beata la famiglia in cui vivere è gioia,

allontanarsi è nostalgia, tornare è festa.

Amen

 

Condividi su:

Festa dei Campetti 2017

Domenica 7 Maggio 2017 – Anche il meteo oggi è stato contagiato dall’entusiasmo dei genitori della Scuola dell’Infanzia Regina Margherita di Palmanova, le nuvole han fatto posto ad un sole meraviglioso che ha riscaldato questa giornata e il Parco dei Campetti dell’Asilo. Ormai questa festa, tanto attesa dai piccole e dalle loro famiglie, sta diventando una tradizione; la parola d’ordine è sempre la stessa: Condivisione.

E proprio con questo spirito, i genitori danno il benvenuto alle famiglie dei nuovi iscritti, che una volta ambientati a livello scolastico, entrano così a far parte anche di questa grande Famiglia, dove il calore umano che emana, stupisce, incuriosisce ed incanta chi guarda dall’esterno. Ma, è l’impegno ed contributo che ogni genitore apporta a suo modo, il vero segreto di questi genitori e che rende ogni evento a cui prendono parte, “speciale”. Solitamente questa festa ne segue un’altra, anch’essa molto sentita dalle famiglie, anche se organizzata a livello scolastico: la Festa della Pace.

Quest’anno, purtroppo, causa tempo avverso, la festa è stata annullata;  in qualche modo la giornata di oggi ha dato l’occasione di riprendere gli stessi valori e principi.  Attraverso il torneo di calcio dei papà, percorso ad ostacoli per i bambini, baby dance, pranzo e dolci gustosissimi, laboratori creativi a cura delle mamme con bracciali, collane, fiori, sassi e gadget coloratissimi come l’arcobaleno, queste famiglie testimoniano il loro significato di Pace.

E allora vogliamo condividere con voi proprio la preghiera ideata dai genitori in occasione della Festa della Pace di quest’anno:

Gesù, ti preghiamo affinchè la Pace non sia solo un augurio ed una speranza, ma diventi certezza e condivisione nel cuore di ciascuno di noi. Aiutaci a diventare ogni giorno, in ogni luogo e con chiunque incontriamo, costruttori di Pace e Amore. 

E come diceva Madre Teresa di Calcutta:  “La Pace inizia con un Sorriso!”

Val&V

Condividi su:

AIUTIAMO LA SCUOLA DI KISENYI

Oggi abbiamo ricevuto la gradita visita del signor Eugenio Borgo, responsabile dell’associazione “AIUTIAMO LA SCUOLA DI KISENYI”.
Insieme abbiamo visto delle foto e dei video che ci hanno raccontato come vivono i bambini nel villaggio dell’Uganda e i risultati dell’impegno dell’associazione per migliorare le strutture della scuola.
Abbiamo poi consegnato tutto il materiale scolastico raccolto durante il percorso d’Avvento.
Ringraziamo nuovamente tutte le famiglie che hanno voluto, con generosità, partecipare all’iniziativa.AIUTIAMO LA SCUOLA DI KISENYI - scuola regina Margherita Palmanova

Condividi su: